• Home
  • Ambiti d'intervento>
  • Elaborazione del lutto

Elaborazione del lutto - Il dolore del lutto

Dal naufrago - al funambolo - all’esploratore.

Naufrago e funambolo: due figure retoriche che rappresentano la condizione di coloro che in una fase della loro vita si trovano per cause improvvise e di natura diversa: lutti importanti, malattie gravi, abbandoni, a dover “ riposizionare” se stessi, perché la vita ha deciso per loro.

Da una posizione lineare e di certezza   , orientata verso un senso si ritrovano a dover cercare un nuovo orientamento per superare quel “vuoto ”e quel senso di “insignificanza” che caratterizza il loro presente.

La percezione di fronte a questi vissuti è dunque quella del naufrago : sbattuto da un punto all’altro nel cuore di una tempesta che lo destabilizza e non gli offre orizzonti di apertura e di risoluzione, il sentire è fluttuante :una serie sequenziale di emozioni alterna luci e ombre:il  naufrago è dentro una dinamica circolare che retroagisce e il
dolore diventa quantitativo per la sua intensità .

IL soggetto, in questa tempesta, è tuttavia sollecitato dalla vita a ridare una linea di “continuum” al proprio presente , nonché futuro: il naufrago, in mezzo ai flutti, comincia come lo “  scalatore” a gareggiare con se stesso: affronta le proprie difficoltà, gli ostacoli che ,di volta in volta, la vita gli pone davanti, capisce che sta interagendo con  il dolore  e tuttavia cerca di spingersi oltre e di superare i propri limiti.

In quest’esperienza capisce di aver bisogno di una “guida” che lo preceda, ma dalla quale deve mantenere una distanza::” L’uomo ha bisogno di una guida che gli faccia da battistrada e lo preceda ,mantenendo una distanza che non può mai essere colmata" Frankl :”Homo patiens” pag. 51. In effetti il logoterapeuta è colui che scandisce il passaggio in mezzo alla tempesta dei flutti.

Ed è proprio nella scansione dei ritmi che il naufrago ,ad un certo momento, riesce a trasformarsi in funambolo: ha, però bisogno di un orientamento e di una meta da raggiungere, perché capisce che la direzione verso un obiettivo da realizzare è “linfa” per la sua salute mentale. Il funambolo ha imparato a gestire il dolore che ovviamente non può essere annullato.

La realtà del naufrago è tuttavia rimasta invariata ,ma egli ha, però, trasformato il suo atteggiamento nei confronti della vita: c’è un cambiamento valoriale nel suo atteggiamento nei confronti di essa.

IL naufrago ha lottato ,nei flutti del mare, ma è riuscito ad uscire da se stesso e ad aprirsi a nuovi orizzonti : è diventato “funambolo” ed è responsabile di nuovi atteggiamenti che mette in atto, tuttavia non perde di vista quello che ha accumulato nel passato e non trascura, come sostiene  Frankl,: “ i pieni granai del passato”.

L’equilibrio del funambolo è instabile, ma nel contempo solido perché si è riconciliato con se stesso, ma soprattutto con la vita alla quale  ha ridato un senso ,ed è infinitamente grato al logoterapeuta, ma soprattutto è orgoglioso del suo senso di responsabilità, ritrovato nel granaio, che continua ad indirizzarlo nei momenti di transitorietà, nonché di incertezza.

Con gradualità il funambolo si trasforma in esploratore e si apre alla bellezza di sé e del mondo.

 


Dott.ssa Giovanna Franceschini
Psicologa Psicoterapeuta, specializzata in Terapia Breve Strategica a Marina di Carrara

Ambiti d'intervento

  • Problemi di coppia, familiari, lavorativi, relazionali
  • Capire la depressione
  • Dipendenza affettiva
  • Disturbi di apprendimento
  • Disturbo ossessivo-compulsivo
  • Paranoia
  • Elaborazione del lutto
  • Mobbing
  • Disturbi dell'infanzia e dell'adolescenza
  • Disturbi dello spettro ansioso
  • Disturbi relativi all'abuso di Internet
  • Depressione post-partum
  • Supporto per pazienti oncologici
Dott.ssa Giovanna Franceschini

Psicologa Psicoterapeuta, specializzata in Terapia Breve Strategica

Partita IVA 01372380111
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Regione Liguria col n. 07 1746

Info
2020. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione delle pagine e dei contenuti di questo sito.